Bambini bilingui, trilingui, ecc....

Conoscere per non temere, conoscere per accogliere.

Questo è il forum ispirato da Kiara del Kantutita, per la quale non esisteva che una razza, quella umana.
asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Bambini bilingui, trilingui, ecc....

Messaggio da asteria69 »

Trovo molto interessante questa rubrica e mi dispiace che non ci siano discussioni veramente attuali alle quali mi possa agganciare, perché la mia famiglia è piuttosto multiculturale... Io sono italiana ma abito in Germania, mio marito, sebbene di nazionalità tedesca, è di origine marocchina. Nostra figlia, che ha dieci mesi oggi e quindi non parla ancora, verrà su trilingue: io parlo con lei in italiano, mio marito in marocchino (è un dialetto arabo) e lei dovrà imparare comunque il tedesco.

Volevo sapere se ci sono altre mamme in una situazione simile, e in ogni caso mi interessano molto le esperienze di altre donne che vivono in una famiglia bi- o trinazionale.

Grazie, ciao.

Avatar utente
Allegra23
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 6265
Iscritto il: 23 febbraio 2005, 10:31
Località: germany,mamma di A., Nov.2007

Messaggio da Allegra23 »

Ciao Asteria! Mia figlia (14 mesi) cresce bilingue..italiano/tedesco. Mio marito ed io siamo entrambi italiani, lui cresciuto in italia, mentre io nata e cresciuta in germania..praticamente sono madrelingua tedesca. Con nostra figlia per adesso parliamo solo italiano, il tedesco lo sente solo dall'altra gente fuori casa.

Però comincio ad avere dei dubbi se stiamo facendo bene perchè vedo che lei non capisce se gli dico per es. "vieni qua" in tedesco, mentre in italiano lo capisce. Penso che devo incominciare per forza a parlargli un pò in tedesco se no non lo impara.

asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Messaggio da asteria69 »

Allegra23 ha scritto:Ciao Asteria! Mia figlia (14 mesi) cresce bilingue..italiano/tedesco. Mio marito ed io siamo entrambi italiani, lui cresciuto in italia, mentre io nata e cresciuta in germania..praticamente sono madrelingua tedesca. Con nostra figlia per adesso parliamo solo italiano, il tedesco lo sente solo dall'altra gente fuori casa.

Però comincio ad avere dei dubbi se stiamo facendo bene perchè vedo che lei non capisce se gli dico per es. "vieni qua" in tedesco, mentre in italiano lo capisce. Penso che devo incominciare per forza a parlargli un pò in tedesco se no non lo impara.
Ciao Allegra,
non mi preoccuperei del fatto che la bambina ancora non capisce il tedesco, perché quello lo imparerà senz'altro. Al più tardi quando va alla scuola materna, se non la mandi al nido. Tu stessa hai detto che il tedesco è la tua lingua madre, pur essendo, a quanto ho capito, figlia di genitori italiani! Anzi, magari il tedesco tua figlia lo imparerà meglio dell'italiano, perché è la lingua della scuola e del mondo esterno. Spero anche che per mia figlia sarà così, che è più piccola, ma si vede che per ora capisce meglio l'italiano dell'arabo e del tedesco, perché sta tutto il giorno a casa con me.
Comunque gli esperti consigliano che ogni genitore parli sempre una sola lingua con il bambino, perché altrimenti lui fa confusione. Se tu dici che il tedesco è la tua lingua madre, e dal tuo italiano perfetto capisco che sei bilingue, tu certo avrei più difficoltà a decidere quale lingua usare! Ma secondo me è meglio che tu ti decida per una sola lingua e la usi tranquillamente sempre.

tamus
Mollista Junior
Mollista Junior
Messaggi: 170
Iscritto il: 28 aprile 2003, 10:19

Messaggio da tamus »

Eccoci qui, bi/trilingue!
Io parlo sempre in italiano ai miei figli, mio marito sempre in ebraico, all'asilo tedesco. Mia figlia, 4 anni, senza mai sentire una parola di tedesco in casa, lo ha imparato perfettamente in un anno e mezzo di asilo.
Ora ci siamo di nuovo trasferiti, e le lingue sono italiano con me, ebraico con papa' e nella societa' in cui vivono. Ho notato che mio figlio 2enne, nato in un contesto trilingue, ha velocizzato incredibilmente la lingua dei due genitori, non dovendo piu' affrontare anche la terza del sociale.
Insomma, se in un contesto di nascita nel bilingue, non ho visto nessun problema di sorta, in quello di nascita nel trilingue ho notato una certa difficolta' a parlare tutte e tre le lingue.
non so se mi sono capita..

asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Messaggio da asteria69 »

tamus ha scritto:Eccoci qui, bi/trilingue!
Io parlo sempre in italiano ai miei figli, mio marito sempre in ebraico, all'asilo tedesco. Mia figlia, 4 anni, senza mai sentire una parola di tedesco in casa, lo ha imparato perfettamente in un anno e mezzo di asilo.
Ora ci siamo di nuovo trasferiti, e le lingue sono italiano con me, ebraico con papa' e nella societa' in cui vivono. Ho notato che mio figlio 2enne, nato in un contesto trilingue, ha velocizzato incredibilmente la lingua dei due genitori, non dovendo piu' affrontare anche la terza del sociale.
Insomma, se in un contesto di nascita nel bilingue, non ho visto nessun problema di sorta, in quello di nascita nel trilingue ho notato una certa difficolta' a parlare tutte e tre le lingue.
non so se mi sono capita..
Ciao, scusami, sinceramente non ho capito bene... I tuoi figli sono nati in Germania e adesso vivete a Israele, giusto? Tua figlia ha imparato bene il tedesco mentre tuo figlio no perché vi siete trasferiti, o sbaglio?

tamus
Mollista Junior
Mollista Junior
Messaggi: 170
Iscritto il: 28 aprile 2003, 10:19

Messaggio da tamus »

La prima e' nata e vissuta in Israele per 1 anno e mezzo. Poi ci siamo trasferiti a Berlino, per tre anni, in quel periodo e' nato il secondo. Poi 6 mesi fa siamo rientrati in Israele. Entrambi, al di la del contesto geografico, in casa hanno sempre sentito il padre parlare ebraico e la madre italiano.
Ho notato pero' che l'anno e mezzo della prima in un contesto bilingue le ha creato meno problemi nell'apprendere una terza lingua successivamente, piuttosto che il secondogenito, nato direttamente in un contesto trilingue (mi e' sembrato piu' bloccato nel partire a parlare qualsiasi delle tre lingue e sbloccato nel parlarne due quando la terza e' sparita dal contesto geografico).

asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Messaggio da asteria69 »

tamus ha scritto:La prima e' nata e vissuta in Israele per 1 anno e mezzo. Poi ci siamo trasferiti a Berlino, per tre anni, in quel periodo e' nato il secondo. Poi 6 mesi fa siamo rientrati in Israele. Entrambi, al di la del contesto geografico, in casa hanno sempre sentito il padre parlare ebraico e la madre italiano.
Ho notato pero' che l'anno e mezzo della prima in un contesto bilingue le ha creato meno problemi nell'apprendere una terza lingua successivamente, piuttosto che il secondogenito, nato direttamente in un contesto trilingue (mi e' sembrato piu' bloccato nel partire a parlare qualsiasi delle tre lingue e sbloccato nel parlarne due quando la terza e' sparita dal contesto geografico).
Ah, adesso ho capito, grazie. Mi ero persa il primo soggiorno in Israele.

Oddio, quello che dici non è molto confortante, perché mia figlia è nata e sta crescendo in un contesto trilingue... Ma vedremo.

Mi interesserebbe sapere come parli con tuo marito, in italiano o in ebraico? O parli sempre in italiano e lui in ebraico? Questo mi sembrerebbe buono per i bambini, perché associano solo una lingua ad una persona. Noi invece parliamo in tedesco fra noi, anche se lo parliamo molto bene. Mio marito, poi, è cresciuto lui stesso in un contesto pressoché bilingue, dove il francese era la seconda lingua, e a parte che alcune frasi o parole le dice in francese, quando parla con nostra figlia spesso mescola all'arabo-francese anche il tedesco, perché è abituato a non parlare solo ed esclusivamente una lingua. Non dovrebbe farlo, ma non è sempre facile...

Che confusione, povera piccola! Speriamo bene...

Avatar utente
martamaria
Consulente forum psicologico
Consulente forum psicologico
Messaggi: 16015
Iscritto il: 4 febbraio 2006, 11:37
Località: Mattamoana illuminata a basso consumo Facilona di turno

Messaggio da martamaria »

Capiranno perfettamente tutto e sapranno distinguere le varie lingue,semplicemente ci impiegheranno un pò più,magari avranno una conoscenza della lingua un pò più superficiale (almeno di una) e poi ne "sceglieranno" una dominante. Generalmente è quella parlata nel sociale,soprattutto quando crescendo il tempo trascorso fuori sarà più determinante di quello passato in famiglia.

asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Messaggio da asteria69 »

martamaria ha scritto:Capiranno perfettamente tutto e sapranno distinguere le varie lingue,semplicemente ci impiegheranno un pò più
Sì, l'ho sentito dire anch'io e immagino che anche per mia figlia sarà così. Ora ha solo dieci mesi ed è chiaro che ancora non parla, però noto che mentre è molto precoce dal punto di vista motorio, non si può dire lo stesso per la lingua.

Tutto perfettamente normale, intendiamoci. Però comincia adesso a dire parole come "mamma" e "babba", ma senza riferirle a persone, non capisce le domande del tipo "dov'è il babbo?" e non capisce il nome degli oggetti (alcuni bambini lo fanno già a nove mesi).
Comunque non è che mi preoccupi, è solo una cosa che ho notato.

Penso che sia dovuto al fatto che in casa parliamo tre lingue. Senza contare che sente anche il francese, perché mio marito lo parla quando ci troviamo con suo fratello e la moglie, che è francese (parlano in francese con il figlio).

Hege
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 4298
Iscritto il: 27 maggio 2002, 21:45

Messaggio da Hege »

le mie due sono nate bilingue, una in Italia l'altra in Norvegia. Noi genitori paravamo entrambi la propria lingua (tranne i periodi che io stavo da sola con loro in Norvegia, allora parlavo a loro in italiano per mantenere viva la lingua) Poi con il trasferimento in Canada sono diventate trilingue- e a questo punto credo si possa anche dire "stabilmente trilingue" (purtroppo in tante famiglie che conosco diventa trasitorio il bilinguismo) in quanto tutte e due leggono, scrivono e parlano entrambe le lingue. Si nota anche che sono facilitati per il francese che e' lingua ufficale qui e quindi obbligatoria a scuola.

Pero' non nascondo che ci vuole abbastanza impegno e consistenza. Bisogna passare tanto tempo con loro e limitare a volte la presenza di amici in casa nel w-e per rendere possibile lo stimolo linguistico. Pero' per noi e' valsa la pena.
All'eta' della mia grande solo una minoranza dei figli bilingui che conosciamo sono ancora "attivamente" bilingui 8magari capiscono ancora, ma non parlano l'altra lingua).

asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Messaggio da asteria69 »

Hege ha scritto:All'eta' della mia grande solo una minoranza dei figli bilingui che conosciamo sono ancora "attivamente" bilingui 8magari capiscono ancora, ma non parlano l'altra lingua).
Ho notato che ci sono delle differenze enormi anche tra i bambini piccoli delle coppie miste che conosco. Mi riferisco soprattutto alla combinazione tedesco-italiano, con mamma italiana e papà tedesco.
Alcuni l'italiano lo capiscono soltanto e praticamente non lo parlano, o lo parlano male e con un accento spaventoso. Eppure la mamma sostiene di aver parlato con loro solo italiano.
In altri casi i bambini parlano correntemente l'italiano, ma l'accento è sempre molto forte.
Non conosco nessuno perfettamente bilingue.

Poi, mah, le mamme dicono sempre: sì sì, parla benissimo la mia lingua... Ma se me lo dice la mia amica polacca non posso gudicare. Noto solo che per quel che riguarda l'italiano, nei casi che conosco non si può parlare di bilinguismo.
Temo che anche mia figlia parlerà l'italiano con un forte accento, ma che ce posso fa', me la sono voluta... ;) Già tanto se lo parlerà...

Hege
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 4298
Iscritto il: 27 maggio 2002, 21:45

Messaggio da Hege »

in effetti l'accento tedesco tende a penetrare ogni cosa. le mie devo dire che no, parlano senza accento. Possono sbagliare qualche preposizione o usare alcune parole in modo sbagliato, pero' sono senza accento, e nel giro di 3 settimane in Norvegia o Italia non si sente per niente la differenza con gli autoctoni. abbiamo pero' sempre investito tanto nel farle passare un bel po' di tempo in ogni paese ogni anno (almeno 3 settimane).

p.s. nel caso non lo sai, hanno 11 e 16 anni

asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Messaggio da asteria69 »

Credo che il norvegese come pronuncia vada più d'accordo del tedesco con l'italiano... È una lingua meno "dura" :D

Anch'io ho intenzione di portare spesso mia figlia in Italia, penso più o meno 5 settimane l'anno. In Marocco ci andremo una volta l'anno, perché è un viaggio molto più caro. I nostri genitori e fratelli vengono spesso a trovarci, il contatto con la lingua dovrebbe rimanere anche attraverso il contatto con la famiglia. Il fratello di mio marito vive qui e ha un bambino con cui anche lui parla arabo. E io ho tante amiche italiane.

Però limitare la presenza in casa degli amici (dei figli?) non so se sarei in grado di farlo... Dei miei amici magari sì, però se mia figlia ha molti amici tedeschi bene, può vederli quando e quanto vuole...

Hege
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 4298
Iscritto il: 27 maggio 2002, 21:45

Messaggio da Hege »

non si tratta di "limitare" cosi' tanto per, ma di avere alcuni pomeriggi "liberi" per fare letture ascoltare musiche e parlare fra di noi. Noi abbiamo il venerdi pomeriggio "sacro" in cui Emma fa i compiti in norvegese, Nora mi legge qualcosa e discutiamo cio' che legge. Con amici anglofoni fra i piedi non sarebbe possibile. Ovviamente se ci sono feste di compleanno o simile, si salta, ma generalmente si mantengono quelle 3-4 ore. Poi, ovvio, anche quando ci sono amici, io parlo a loro solo in norvegese - magari traducendo agli amici se sono cose che riguardano tutti.

Mi sono resa conto che aiuta tanto trovarsi in un ambiente multiculturale per questo. Spesso in Italia mi guardavano con sospetto quando mi sentivano parlare norvegese, qui e' considerato una bella cosa. Poi Nora sopratutto ha amiche che parlano un sacco di lingue diverse a casa, per cui quando chiamano i genitori da casa nostra, si sente un sacco di lingue, dal francese, ebraico, cantonese, mandarin...

asteria69
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1938
Iscritto il: 21 gennaio 2009, 12:00
Località: Monaco di Baviera, mamma di Sara (26/03/2008)

Messaggio da asteria69 »

Hege ha scritto:Mi sono resa conto che aiuta tanto trovarsi in un ambiente multiculturale per questo. Spesso in Italia mi guardavano con sospetto quando mi sentivo parlare norvegese, qui e' considerato una bella cosa. Poi Nora sopratutto ha amiche che parlano un sacco di lingue diverse a casa, per cui quando chiamano i genitori da casa nostra, si sente un sacco di lingue, dal francese, ebraico, cantonese, mandarin...
Anche noi abbiamo tanti amici di altre nazionalità, e quando Sara andrà a scuola sicuramente ci sarà ancora più "miscuglio", perché abiteremo in un quartiere multi-culti, ci trasferiamo tra 3 settimane. In generale qua a Monaco nessuno si stupisce se mi sente parlare in italiano con mia figlia, la gente è abituata a sentir parlare altre lingue.
Certo che fate tante cose in famiglia, mi piace questa cosa... Non siete voi che leggete i libretti delle opere intorno al caminetto :love ? Che bellezza...

Rispondi

Torna a “Multiculturalità”